closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lettere

Lettera da Mirafiori

A Mirafiori abbiamo vissuto con un mantra senza averlo mai sentito: «TINA» («there is no alternative»). Una voce interiore che si è fatta strada a partire dagli anni ’80 grazie ai governi Reagan e Thacher e che è arrivata fino alla periferia e ci ha convinto.

Quando ci hanno detto che non c’erano alternative alla cassa integrazione abbiamo pensato «sì è vero», quando è stato soppresso l’autobus 63 abbiamo detto «sì in effetti», quando hanno costruito l’inceneritore abbiamo pensato «e beh che vuoi fare», quando ci hanno detto «non c’è lavoro», ci siamo inginocchiati.

Abbiamo prestato fede alla retorica priva di dibattito che sotto il nome «globalizzazione» si è imposta «senza sentire ragioni».

Siamo andati dietro a un miraggio che modificando il reale lo ha trasformato in una specie di centrifuga che trita destini e non potendo stare al centro siamo stati spinti fuori.

Poi, quando credevamo di essere solo fuori dal lavoro abbiamo capito che eravamo fuori dalla vita.

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.