closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lettere

La «benedizione delle penne»

Degna di nota è la circolare del dirigente scolastico Rosa Celardo del Liceo multidisciplinare di Aversa avente per oggetto, «Classi quinte – preparazione all’esame di stato – benedizione delle penne», con la quale comunica che: lunedì 30 maggio dalle ore 12.15 alle ore 13.15 gli alunni delle classi quinte, accompagnati dai docenti in servizio, si riuniranno nell’aula magna per un momento di preghiera in preparazione dell’Esame di Stato. Nel corso della riunione sarà celebrata la cerimonia “benedizione delle penne”».

Il dirigente scolastico di una scuola della Repubblica, che promuove un’iniziativa rivolta, perché confessionale, solo agli studenti cattolici, viene meno al suo ruolo di responsabile dell’uguaglianza di tutti quelli affidatigli.

Se per di più l’iniziativa ha il carattere di manifestazione apertamente superstiziosa diventa strumento di diseducazione. L’autorità scolastica non può restare indifferente e deve intervenire con la rimozione di chi si rivela inadeguata ad assolvere al suo compito.

La stessa autorità religiosa responsabile della nomina del docente di religione cattolica, che non può avere ignorato l’iniziativa, si deve interrogare se la sua preparazione sia adeguata alla funzione culturale che è chiamato a svolgere in una scuola dello stato.

Per la Scuola della Repubblica Comitato Naz.le Scuola e Costituzione