closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lettere

Intercettazioni, un attacco alla libertà di informazione e alla democrazia

La libertà dei media di informare su fatti di interesse pubblico è essenziale per la democrazia, tanto che l’articolo 21 della nostra Costituzione sancisce la salvaguardia della libertà di informare ed essere informati.

Quanto è emerso in questi giorni sulle intercettazioni delle comunicazioni di alcuni giornalisti disposte dalla Procura di Trapani e depositate tra i documenti d’inchiesta sulle Ong è quindi di una gravità estrema. Tre dei giornalisti intercettati illecitamente stavano svolgendo il loro lavoro consultando alcune fonti riservate – protette dal codice di procedura penale – sugli accordi stipulati dal nostro Paese con la Libia nel 2017, sulle condizioni di detenzione dei migranti nei campi-lager libici, sui respingimenti e le morti nel Mediterraneo. Un lavoro di inchiesta meritevole, che spesso alcuni giornalisti hanno svolto mettendo a rischio la propria incolumità. 

Come afferma una delle giornaliste intercettate, quanto sta venendo alla luce dimostra che testimoniare su quanto accadeva e sta accadendo sulla rotta del Mediterraneo centrale è pericoloso, in uno scenario in cui il fenomeno migratorio continua a essere usato per scopi di propaganda politica. 

L’intera vicenda legata al Memorandum firmato tra Italia e Libia nel 2017, e rinnovato lo scorso anno, è caratterizzata da violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale e da mancanza di trasparenza.

Di fronte a fatti di tale gravità, chiediamo che il Parlamento istituisca al più presto una commissione d’inchiesta sui rapporti tra il nostro Paese e la Libia, che faccia piena luce sulle risorse impiegate e sulle eventuali responsabilità nella violazione diretta o indiretta dei diritti umani e di eventuali abusi da parte di apparati dello Stato.

Agli operatori dell’informazione che con coraggio e senso etico cercano di far conoscere quanto i vari governi europei, compreso quello italiano, siano complici delle stragi che si consumano nel Mediterraneo e delle crudeltà che si compiono in Libia va la nostra piena solidarietà e il ringraziamento per il lavoro che svolgono.

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.