closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lettere

Addio a Daniela Meucci

Daniela Meucci, fondatrice e protagonista dello storico e glorioso cineclub Arsenale di Pisa, è morta nella notte fra il 14 e il 15 maggio, dopo una malattia che non ha lasciato scampo. Fin dal 1982, insieme alla “famiglia” del cineclub (premiato dalla Fice a Mantova nel 2014 come miglior sala d’essai italiana dell’anno), Daniela ha ideato e condotto – accanto alla programmazione quotidiana – centinaia di incontri con registi, autori, artisti, promosso iniziative di impegno civile e sociale, costruito una rete fittissima di collaborazioni col territorio, le associazioni, la scuola, l’università.

Ha saputo creare occasioni preziose di pensiero e di incontro, segnate dal suo stile sobrio e schivo e dalla sua elegante essenzialità.

Tanti devono a lei la scintilla di amore per il cinema; tanti autori di vecchie e nuove generazioni, affermati ed esordienti, l’hanno avuta al fianco, sera dopo sera, nella saletta pisana di vicolo Scaramucci.

Bravissima fotografa (Jean-Marie Straub voleva solo lei per le foto delle sue messe in scena teatrali) , appassionata e competente ideatrice e organizzatrice, «intellettuale del fare», ha segnato una stagione importante e coraggiosa per un cinema che resiste.

Lascia un’impronta indimenticabile, oltre che a Pisa, nei tanti mondi del cinema.

  • politepolarbear

    È grazie a lei che mi sono avvicinato e ho cominciato ad apprezzare il cinema di qualità.
    Sin da studente universitario le programmazioni dell’Arsenale mi hanno
    aiutato a coltivare il mio amore per i film. E ricordo ancora con molto
    piacere tutti i talk con i vari registi e sceneggiatori che Daniela
    portava a chiaccherare con noi nella sala di via Scaramucci: da
    Pontecorvo, ai Taviani, a Gipi… Amavo la sua serietà perché
    intravvedevo dietro di essa il suo grande amore e passione per il
    Cinema. Ciao Daniela! http://politepolarbear.blogspot.it/2015/05/ciao-daniela.html