closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Lettera di espulsione per 36 dissidenti M5S: «Fuori dai gruppi»

Stelle filanti. Sulle misure definitive dovranno esprimersi i probiviri. Di Battista smentisce scissioni

Vito Crimi

Vito Crimi

La lettera è arrivata nel primo pomeriggio. Vergata su carta intestata dei gruppi parlamentari del Movimento 5 Stelle, perché serve ad espellere i 15 senatori e 21 deputati che non hanno votato la fiducia al governo Draghi, disattendendo le indicazioni dei vertici e il voto espresso a maggioranza dagli iscritti sulla piattaforma Rousseau, ma solo dalle compagini parlamentari. Ad opera dei capigruppo e su richiesta del capo politico. Dunque, la decisione sull’espulsione dal M5S, che deve essere presa formalmente dal collegio dei probiviri, ancora non è arrivata. IN QUEST’ORGANISMO, come nel M5S, c’è disparità di vedute. Per Raffaella Andreola, consigliera...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi