closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Lettera aperta al presidente del Consiglio Draghi sul “dittatore Erdogan”

Turchia. Il primo ministro italiano ha fatto un passo importante, ora è il momento di passare ai fatti

Gentile presidente del Consiglio Mario Draghi, qualche giorno fa Lei ha definito «dittatore» il presidente della Repubblica di Turchia. È stato un momento storico: il primo leader europeo importante a usare questa parola, pubblicamente. Lo dicevano un po’ dappertutto da tempo. Nei corridoi e le aule dei parlamenti europei, nelle manifestazioni e sui muri della città in cui vivo, Torino. Lo dicono anche milioni di persone in Turchia. Solo che loro finiscono in carcere, nella meno peggio delle ipotesi. Ora ci faccia vedere come ci si deve comportare nei confronti di un «dittatore». Quando la prossima volta andrà a incontrare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi