closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Lettera aperta al presidente del Consiglio Draghi sul “dittatore Erdogan”

Turchia. Il primo ministro italiano ha fatto un passo importante, ora è il momento di passare ai fatti

Gentile presidente del Consiglio Mario Draghi, qualche giorno fa Lei ha definito «dittatore» il presidente della Repubblica di Turchia. È stato un momento storico: il primo leader europeo importante a usare questa parola, pubblicamente. Lo dicevano un po’ dappertutto da tempo. Nei corridoi e le aule dei parlamenti europei, nelle manifestazioni e sui muri della città in cui vivo, Torino. Lo dicono anche milioni di persone in Turchia. Solo che loro finiscono in carcere, nella meno peggio delle ipotesi. Ora ci faccia vedere come ci si deve comportare nei confronti di un «dittatore». Quando la prossima volta andrà a incontrare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.