closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Lettera a un editore (non razzista ma) “diversamente sensibile”

Stereotipi. Una lettera che interloquisce con Giunti Editore, che ha distribuito il libro per l'infanzia contenente il brano "Duccio e il mistero della musica telepatica". Il racconto, edito originariamente da Feltrinelli nel 2013, restituisce una rappresentazione di una bambina cinese che vive in Italia intrisa di pregiudizi e cliché

Ristorante cinese a Prato

Ristorante cinese a Prato

Nei giorni scorsi, diversi media hanno dato notizia della polemica su un libro di testo per le elementari della Giunti (Edizioni del Borgo), in cui venivano riportate espressioni (riferite all’apprezzamento di un ipotetico bambino italiano nei confronti della compagna cinese) segnalate come portatrici di stereotipi (dice “glazie, plego” e anche “facciamo plesto”) e in rapporto a possibili fenomeni di bullismo (“non si offende mai quando la prendiamo in giro”). Il nostro gruppo, “Dialogo/Biàn 辩”, è costituito da cittadini italiani, anche di origine cinese, e da cittadini cinesi nati/cresciuti in Italia, educatori, artisti, genitori e studenti. Da anni discutiamo dell’Italia che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi