closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Letta e la «dote per i giovani», ovvero il policitismo contro la politica

L'opinione. Il modo di una proposta conta. Quella del segretario Pd sollevata solo nella sfera mediatica, ha affievolito il dibattito pubblico su un tema così rilevante in una settimana o poco più

Enrico Letta

Enrico Letta

Come nasce, oggi, una proposta politica? E con quali conseguenze? I giornali, i talk-show, le interviste e - buoni ultimi - i social media sono sempre più il luogo scelto per proposte politiche «d’impatto», sui temi più vari.  Silvio Berlusconi è stato il gran maestro del genere, dal palcoscenico di «Porta a Porta». Matteo Renzi è l’allievo più abile e spregiudicato. Giorgia Meloni e Matteo Salvini, oggi, sono gli interpreti più efficaci. La proposta di Enrico Letta, relativa all’aumento della tassa di successione a beneficio della «dote per i diciottenni», nasce nel contesto di un’intervista a Massimo Gramellini, anticipata con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi