closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Etiopia annuncia la presa di Makallè. È caccia alla «cricca»

Tigray. Dopo «pesanti bombardamenti» l’esercito federale sarebbe entrato nella capitale regionale. Ma i leader del Tplf sono già in montagna. Il premier Abiy Ahmed già pensa alla ricostruzione. Cresce l’allarme umanitario

L’arrivo nel campo profughi di Umm Rakouba, in Sudan, dei civili in fuga dal Tigray

L’arrivo nel campo profughi di Umm Rakouba, in Sudan, dei civili in fuga dal Tigray

«L’esercito federale ha il pieno controllo di Makallè», ha annunciato ieri sera il premier etiope Abiy Ahmed, che ha poi ringraziato chi nel Tigray «ha fatto del suo meglio per sostenere le forze di difesa etiopi, accelerando la sconfitta del Tplf». Ora - ha proseguito - «faremo tutto il possibile per aiutare la gente del Tigray a tornare alla vita normale». Abiy ha dunque chiesto alla comunità internazionale di «unirsi alla ricostruzione per dare alla gente l’assistenza umanitaria e la sicurezza che merita». Intanto «la polizia federale continuerà nella ricerca dei criminali del Tplf e li porterà davanti alla giustizia»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi