closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Let It Be Morning, un sogno Oscar che fa arrabbiare palestinesi e israeliani

Israele/Territori occupati. Diretto da Eran Kolirin e tratto dall'omonimo romanzo di Sayed Kashua, il film racconta di Sami un palestinese di Gerusalemme che torna al suo villaggio e si ritrova prigioniero dell'esercito israeliano. Gli attori palestinesi, come a Cannes, ne boicottano le premiazioni e i nazionalisti israeliani parlano di propaganda dell'Olp

Nel film Let It Be Morning persino le colombe, quando le gabbie vengono aperte, appaiono riluttanti a spiccare il volo finalmente libere in un territorio che invece libero non è. È come se percepissero una libertà solo apparente, falsa, come quella in cui ha vissuto sino a quel momento Sami (Alex Bakri), protagonista del film diretto dal regista israeliano Eran Kolirin, tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore palestinese Sayed Kashua. Presentato a Cannes, Let It Be Morning rappresenterà Israele agli Oscar, nella categoria del miglior film straniero, essendo stato scelto qualche giorno fa alla serata dei Premi Ophir come miglior film...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.