closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’estinzione di massa è alle porte

Evoluzione. Uno studio sulla rivista «Proceedings of the National Academies of Sciences» sui rischi da scomparsa degli umani. La Terra ha già conosciuto «rivoluzioni ecologiche» segnate dalla morte di piante, batteri e animali. Se nel passato le cause erano dovute a eventi esterni questa volta la responsabilità sarà degli umani

Ogni anno, si estinguono mediamente due specie di vertebrati. Nell’ultimo secolo, quindi, circa duecento specie di vertebrati sono sparite dalla faccia della Terra. Per ottenere lo stesso risultato, due milioni di anni fa, «servivano in media non cento, ma diecimila anni», scrivono Gerardo Ceballos (Università Autonoma di Città del Messico), Paul Ehrlich e Rodolfo Dirzo (Università di Stanford, California) in uno studio appena pubblicato dalla rivista Proceedings of the National Academies of Sciences. Con Nature e Science è tra le riviste scientifiche ritenute più serie e prestigiose, dunque i dati vanno presi sul serio. Secondo i tre, e molti altri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.