closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’eretico Pierre Clastres di fronte allo Stato

Antropologia. «L’intempestivo, ancora», di Eduardo Viveiros de Castro edito da ombre corte. L'autore mostra che il contro del celebre concetto clastriano di «società-contro-lo-Stato» non indica una mancanza dovuta a una patologia della politica, ma la deliberata messa in atto di meccanismi immunitari che permettono a questi «collettivi» di fuggire

Un ritratto di Pierre Clastres

Un ritratto di Pierre Clastres

Nella lezione del 13 febbraio 1990 al Collège de France, Bourdieu afferma: «La genesi dello Stato (…) è inseparabile dalla costituzione di un monopolio dell’universale», il cui esito è un «effetto di dominazione». Lo Stato – tutt’altro che morto, come mostrato dal ruolo che gioca nell’attuale emergenza sanitaria – è insomma il risultato di processi storico-sociali di appropriazione della violenza materiale e simbolica che possono essere trasformati o rifiutati. Secondo Clastres, antropologo eretico e selvaggio, la capacità di liberarsi dai germi da cui lo Stato può svilupparsi è ciò che caratterizza le società amerindiane, con le quali, negli anni ’60...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi