closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’eremo di Kalitino, tra simboli identitari e condanne canine

Narrativa. «I cinocefali», un romanzo dello scrittore russo contemporaneo Aleksej Ivanov edito da Voland

Una icona raffigurante San Cristoforo

Una icona raffigurante San Cristoforo

L’intera storia russa si è costituita nei secoli attraverso il conflitto tra città e campagna, l’una da sempre colpevole di subalternità esistenziale alla ragione europea, l’altra custode di eredità spirituali e irrazionali, refrattarie a qualsiasi cambiamento; dopo la grande transizione degli anni Novanta, di quel sentimento escatologico oggi possiamo solo contemplare i resti. Sembra questa la lezione di Aleksej Ivanov, uno degli autori di punta del panorama letterario russo contemporaneo, che con I cinocefali (Voland, pp. 400, euro 20, traduzione di Anna Zafesova) quasi demistifica la danza di Nataša, la contessina che sulle note di una ballata popolare riconcilia le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi