closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’eredità degli Squallor: una risata ci disseppellirà

Note sparse. Una monografia di Marco Ranaldi racconta la carriera dell'irriverente gruppo

Squallor

Squallor

Nell’affollato scacchiere culturale degli anni Settanta gli alfieri dell’industria discografica si muovono secondo precise strategie politiche, incrociando le loro diagonali con quelle del costume e del consumo. Finanche il Vaticano ne ha fiutato le potenzialità, benedicendo e sovvenzionando l’approdo in via Tiburtina dell’americana RCA. Al polo romano fa da contraltare la Tin Pan Alley milanese di via Quintiliano. Nel palazzone al numero 40 imperversano nottetempo strane figure, pur di casa nella nuova sede della Compagnia Generale del Disco. Alfredo Cerruti ne è il direttore artistico, Daniele Pace e Giancarlo Bigazzi i parolieri di punta (al lettore il gusto di scoprire...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi