closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’era Trump e la guerra delle monete nel commercio mondiale

Scontri commerciali. Già nel 2016 una fetta significativa di russi fa la spesa con una carta di credito nazionale per rompere il monopolio dei circuiti internazionali Visa e Mastercard

Il commercio mondiale sta entrando in una nuova fase. La fine degli accordi di Bretton Woods non aveva scalfito la supremazia del dollaro negli scambi internazionali, nonostante il suo sganciamento dall’oro. Tant’è che ancora oggi il 70% delle transazioni su scala globale avviene nella divisa statunitense.  Il dollaro rimane anche la principale valuta di riserva presso le banche centrali ed i governi di alcuni paesi (oltre il 60% del totale), a dimostrazione della sua forza e della forza dell’istituzione politica che ha alle spalle. Moneta forte, garanzia di pagamento e di solvibilità dei debiti (la sola Cina vanta riserve valutarie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.