closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Rubriche

L’epidemia, la «Città» e il vivere e filosofar

Fabio Ciaramelli: «Sarantis, a differenza di te, non credo che nell’intervento di Agamben l’equazione tra coronavirus e “influenzavirus” sia stata un elemento marginale. Mi sembra invece che ne costituisse non solo il punto di partenza ma il fondamento teorico: un fondamento che si sta rivelando sempre più chiaramente falso. Concordo con Roberto Esposito che, pur situandosi in una prospettiva biopolitica vicina ad Agamben, gli ha rimproverato la mancanza di senso delle proporzioni. Perciò, in definitiva, pur condividendo le tue considerazioni successive sulle minacce alla sopravvivenza psichica, non ne condivido l’attacco.

A mio avviso, nonostante l’ammirazione per Giorgio Agamben e per le sue brillanti teorie, penso che stavolta abbia preso una cantonata (glielo ha fatto notare anche Jean-Luc Nancy)».

Sarantis Thanopulos: «Fabio, la tesi di Agamben sullo stato d’eccezione che sta diventando normale modalità di governo, regge bene anche senza l’equazione tra Coronavirus e virus dell’influenza. La teoria biopolitica ha trovato nell’elaborazione di Agamben un ampliamento importante del suo respiro: il vivere ridotto in “nuda” (cruda) vita, fondamento di un’eccezione permanente alla libertà e alla democrazia. Nella gestione della quarantena, nei suoi slogan principali e nella pressione psicologica a cui siamo sottoposti, mi sembra dominante la logica del vivere per sopravvivere, per non morire. Nessun parola spesa per le persone che si amano al di là delle case di famiglia, per i familiari separati tra città diverse, per gli amici che non possono incontrarsi, per chi la casa non ce l’ha, o vive in case opprimenti, per i desideri, le emozioni, i sentimenti che amano gli spazi aperti, che viaggiano non nei social ma nelle strade del mondo.

Questo potere psicologico/ideologico dei bisogni biologici, che sovrintende l’emergenza, ci mostra la natura vera dello stato d’eccezione che incombe su di noi oggi, che non è più, come pensava Karl Schmidt -come non lo è stato nell’epoca nazista- la sospensione o abolizione di un ordinamento giuridico per decisione politica, ma una mentalità collettiva anonima: l’assetto psichico antrophofobico dell’individuo desolato, eremos di Epitetto, che abolisce la politica e diventa forza di legge, governo a danno di tutti. Non trovi inquietante l’affermazione “decidono gli scienziati”, cioè nessuno?».

Fabio Ciaramelli: «Sono d’accordo, come hai scritto, che gli scienziati non possano dare una risposta definitiva e infallibile alle nostre paure, neanche in questo caso. Trattandosi d’un virus nuovo e finora praticamente sconosciuto, è ovvio che la medicina – la quale, tra l’altro, non è una scienza, ma una tecnica basata su dati scientifici – possa solo muoversi “per tentativi ed errori”. Ma questa volta, con gli ospedali intasati e il contagio dilagante, in base a criteri prudenziali e precauzionali, non vedo che altro si sarebbe potuto consigliare agli organi competenti.

E infine, quanto al rischio che le misure antivirus decise dalle autorità politiche possano costituire una minaccia per la nostra democrazia costituzionale, non sarebbe male se la nostra hybris filosofica facesse un passo indietro. Più di tante riflessioni di filosofi, m’hanno fatto pensare le parole d’un bravo giornalista, Andrea Giardina, che ha così concluso il suo reportage sul virus: “Se serve a salvare vite, la democrazia può essere sospesa, almeno per qualche ora. “Primum vivere, deinde philosophari”».

Sarantis Thanopulos: «La politica di Pericle aveva grandi limiti, ma sono sempre valide le sue parole: “Amiamo il bello con sobrietà (senza futilità estetizzanti) e filosofiamo (amiamo il pensiero critico) senza essere molli)”. Non temiamo i sacrifici, ma li facciamo per prendere in mano la gestione della città per risanare i disastri del passato e per non fare dell’avvenire la ripetizione di emergenze».


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna