closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Leopardi: tre approssimazioni a «L’Infinito»

Divano. Il poeta redige a Recanati, nel settembre del 1819, nei giorni in cui attende alla composizione dell’idillio, due brani di prosa e una stesura in versi

Faccio precedere la trascrizione de L’Infinito di Giacomo Leopardi da tre testi che il poeta redige a Recanati, nel settembre del 1819, nei giorni in cui attende alla composizione dell’idillio: due brani di prosa e una stesura in versi. Il primo scritto si presenta come uno stringato appunto (ad una lettura decontestualizzata, potrebbe essere scambiato per una nota di diario) nel quale egli rileva la sua predilezione per il luogo solitario che volentieri frequenta, là dove le fronde di alcune piante ‘coprono’ l’ultimo orizzonte: «Oh quanto a me gioconda quanto cara fummi quest’erma (sponda) plaga (spiaggia) e questo roveto che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.