closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’energia di un «Assalto al cielo»

Habemus Corpus. Nel documentario di Francesco Munzi si parla di lotte politiche fra il 1967 e il 1977. Nei volti di chi manifesta e discute c’è una luce aguzza, nei corpi un’energia affamata, negli occhi scorrono emozioni vissute con intensità

Domenica sera, cinema Oberdan a Milano. Proiettano Assalto al cielo, documentario di Francesco Munzi che racconta le lotte politiche extraparlamentari fra il 1967 e il 1977. Costruito solo con materiali d’archivio e diviso in tre movimenti, monta con attenzione e intelligenza scene di protesta, assemblee, discussioni, dibattiti, feste, botte, scontri, provocazioni, risate, testimonianze e tutto quel movimento che i giovani di allora fecero nascere nel tentativo di cambiare la società e il mondo. Dalle proteste contro la guerra in Vitnam, passando per le lotte che unirono operai e studenti, fino alla nascita di Radio Alice e la festa al Parco...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.