closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

«Lei non sa cos’è la coscienza… Una specie di trippa urlante»

Ricordi di classici francesi. In presa diretta, la storia di una relazione tra due poeti: discorsi, dialoghi, aforismi degli ultimi anni di Artaud trascritti da Jacques Prevel

«Con Artaud la vita è così intensa, così totale», annota Jacques Prevel nel suo diario il 27 aprile del 1947. «Non c’è più nulla, solo un paese di pietre e vento, delle rocce dalle forme barbariche e un cielo irreale. Una calcinazione assoluta del tempo». Non si potrebbe dire meglio in così poche parole. Possiamo pensare agli esseri eccezionali come a dei paesaggi, e alla loro intimità come all’esplorazione di una terra sconosciuta, un viaggio iniziatico. Non a caso, Prevel parla di Artaud in termini molto simili a quelli che Artaud impiega per descrivere il paesaggio messicano attraversato a cavallo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.