closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Legittima difesa al primo colpo

Far West Italia. Vola la legge che vuole rendere legittimo sparare in casa propria. L'opposizione non si oppone: Forza Italia e Fratelli d'Italia avrebbero voluto anzi di più, il Pd vota sì alla discriminante del turbamento psicologico. Salvini esulta e Di Maio lascia fare

Matteo Salvini

Matteo Salvini

«Questi sono tutti scemi», diceva Salvini un anno e mezzo fa, quando ad allargare le maglie della legittima difesa ci provava il Pd. Al leghista non piaceva la discriminante psicologica del «turbamento», che assolve in partenza chiunque spari per difendersi in casa propria, perché - sosteneva - dà troppo potere ai giudici. Adesso quella formula, dal vecchio disegno di legge Ermini (ex deputato Pd nel frattempo diventato vice presidente del Csm), è precipitata tale e quale nel testo approvato ieri in prima lettura dal senato. Con l’aggiunta dell’aggettivo «grave» che potrà solo complicare la valutazione del «turbamento» da parte del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.