closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Legge marziale inutile, l’Isis uccide i civili come prima in Congo

Ituri/Nord Kivu. I dati di Human Rights Watch indicano che le restrizioni imposte per combattere le Adf, affiliate allo Stato islamico, hanno reso solo meno libera la popolazione. E si aggrava l'emergenza degli sfollati interni

Forze congolesi sul luogo in cui, nel pressi della città di Beni, una attacco delle Adf ha causato lo scorso luglio la morte di almeno 18 civili

Forze congolesi sul luogo in cui, nel pressi della città di Beni, una attacco delle Adf ha causato lo scorso luglio la morte di almeno 18 civili

Per far fronte all’endemica insicurezza delle Province dell’Ituri e del Nord Kivu lo scorso maggio il presidente congolese Félix Tshisekedi ha imposto la legge marziale e ha cercato di rafforzare la Monusco (missione delle Nazioni unite per la stabilizzazione nella Repubblica democratica del Congo) con l’ingresso di militari del Kenya. Il risultato, secondo i dati raccolti da Kivu Security Tracker, progetto congiunto di Human Rights Watch e Congo Research Group, è che nel periodo maggio-settembre 2021 sono stati uccisi 739 civili: nello specifico vari gruppi armati, alcuni non identificati, hanno ucciso almeno 672 civili, mentre le forze di sicurezza congolesi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.