closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Legge elettorale, risorge il Rosatellum

Maggioritario. Il governo anticipa i nuovi collegi per adattare il vecchio sistema al ridotto numero di parlamentari. Con il proporzionale bloccato dalle liti nella maggioranza, a gennaio una legge che a trazione uninominale che esaspera gli squilibri

Il primo tempo lunedì, quando è crollato il tavolo delle riforme e la maggioranza ha preso atto di non avere alcun accordo sulle modifiche costituzionali, nemmeno quelle urgenti che erano state già annunciate per «riequilibrare» il taglio dei parlamentari. E che non si vedono spiragli per la legge elettorale oltre al testo agli atti della commissione affari costituzionali della camera che corrisponde alle vecchie intese tra i giallorossi. Ma quel sistema proporzionale con soglia di sbarramento nazionale al 5% e liste bloccate non piace più a Iv e sulle modifiche non c’è accordo tra gli altri partiti. Martedì sera il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi