closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Lee Chang- dong e le generazioni distrutte dal neoliberismo

Cannes 71. In concorso «Burning», un film tratto da un racconto breve di Murakami. Un plot minimale che diventa nelle mani del regista coreano occasione per una profonda riflessione politica

Jong-seo Jeon in «Burning»

Jong-seo Jeon in «Burning»

A ben otto anni dal precedente Poetry, Lee Chang-dong ritorna sulla Croisette e nel concorso principale con Burning, film tratto da un racconto breve di Murakami. Il plot minimale ed ellittico diventa fra le mani del regista coreano l’occasione per una profonda riflessione politica sulle trasformazioni subite da una generazione sacrificata sull’altare del neoliberismo più spietato. Jong-soo (interpretato dal fascinoso Ah-in Yoo) ritrova casualmente Hae-mi (Jong-seo Jeon) una sua compagna di scuola di molti anni prima. Lei vive in una microscopica stanza nella quale i due fanno l’amore subito dopo. Hae-mi, che è in procinto di partire per l’Africa, chiede...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi