closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

L’editoria scopre la vena «virosofica»

Libri. Proposte per una riorganizzazione concettuale dei testi usciti nel mondo sulla pandemia, fra contestazioni iscritte al capitolo della biopolitica e speculazioni via web, ancora da indagare

Tatiana Trouvé, «Les indéfinis», 2015

Tatiana Trouvé, «Les indéfinis», 2015

Diogene Laerzio racconta che Aristotele fece raccogliere ai suoi allievi 158 costituzioni delle città della Grecia, e a quanto pare riservò per sé l’analisi e il commento della costituzione di Atene. Con questo, per quanto immodesto, modello in mente, ho vagliato la sterminata produzione di libri sulla pandemia, a un anno dall’inizio. Al momento ne ho schedati seicento, e di questi richiamerò sei titoli, due dei quali esulano dalla schedatura, ma li cito come consiglio di lettura durante il confinamento. L’arco delle diverse posizioni assunte va dal negazionismo (il virus non c’è) al minimalismo (c’è ma è poco più di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi