closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Léaud, Antoine, François

Cinema. L’attore «alias« di Truffaut in un raro incontro parla di sé e della sua carriera

«Devo tutto a François. Non soltanto mi ha trasmesso il suo amore per il cinema, ma mi ha fatto dono del più bel mestiere del mondo: mi ha reso attore». Jean-Pierre Léaud, l’Antoine Doinel dell’intensa saga cinematografica 1959-79 di François Truffaut (Les quatre cents coups, Antoine et Colette, Baisers volés, Domicile conjugale, L’amour en fuite), l’Alphonse di La nuit américaine (Oscar 1973), non ha mai rilasciato interviste, a parte un paio di volte, per botte-risposte coatte. Di slancio striminzito nella miriade di testimonianze raccolte dopo la morte del regista sui Cahiers du cinéma nel numero speciale del dicembre 1984 (Le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.