closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Le vittime di Rupganj e gli obblighi dei brand

Bangladesh. Oggi quell’Accordo e gli straordinari progressi raggiunti dalla sua entrata in vigore sono a rischio, appesi a un negoziato ad oltranza che ne prolunga gli effetti per soli tre mesi

L'incendio dello stabilimento di Rupganj

L'incendio dello stabilimento di Rupganj

Sono almeno 52 i lavoratori morti nel rogo di uno stabilimento di trasformazione di prodotti alimentari, nel distretto industriale di Rupganj, a circa 25 chilometri a est della capitale Dacca. Un fatto terribile che riporta subito alla memoria l’incendio della Tazreen, anche lì i lavoratori cercavano la salvezza gettandosi dalle finestre. E poi ovviamente quel tragico 24 aprile del 2013, quando persero la vita almeno 1.134 lavoratori sotto il crollo dell’edificio Rana Plaza dove operavano 5 fabbriche tessili fornitrici di famosi brand della moda internazionale. Si trattò del più grave incidente industriale mai accaduto in una fabbrica tessile e la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.