closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Le vite contaminate nella Terra dei fuochi

MOSTRE. Massimo Berruti al Festival della fotografia etica di Lodi. Un’intervista per il suo «Epidemic», narrazione in bianco e nero

Massimo Berruti, dal ciclo «Epidemic»

Massimo Berruti, dal ciclo «Epidemic»

IInvestigare «un olocausto» attraverso la macchina fotografica. Con il termine Terra dei fuochi viene individuata un’area di 1.076 chilometri quadrati tra la provincia di Napoli e il casertano: zona fertilissima grazie alle acque superficiali e il substrato vulcanico, a cavallo tra gli anni Novanta e i Duemila è stata devastata dalle discariche abusive di rifiuti grazie a un patto tra camorra e sistema economico del Settentrione. NONOSTANTE LE RIVOLTE della popolazione e le inchieste della magistratura il fenomeno prosegue tuttora - anche se in forme differenti - e, anzi, si è espanso in altre aree del paese. Il fotografo romano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.