closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Le trappole mortali dei pasdaran per i dissidenti all’estero

Iran. Rapiti all'estero, torturati, esibiti in tv per terrorizzare gli oppositori e giustiziati con musica macabra in sottofondo. Tecniche simili a quelle che utilizzava la polizia segreta dello scià. La storia di Habib Chaab, rifugiato politico in Svezia, è stato sedotto da una 007 iraniana che gli ha dato appuntamento a Istanbul. Qui sarebbe stato drogato e trasportato a Teheran

Sanificazione anti-Covid a Teheran, a cura delle Guardie rivoluzionarie e di volontari delle forze Basij

Sanificazione anti-Covid a Teheran, a cura delle Guardie rivoluzionarie e di volontari delle forze Basij

I protagonisti di questa brutta storia sono tre oppositori iraniani. Mandate in onda sulla tv di stato della Repubblica islamica, le loro vicende vogliono incutere terrore tra i dissidenti rifugiati in Occidente e, al tempo stesso, far credere agli iraniani in patria che i pasdaran sono gente in gamba. In realtà, le tecniche per reprimere il dissenso sono le stesse della Savak, la polizia segreta dello scià negli anni Sessanta e Settanta. Il dissidente scappa e un paese europeo gli concede lo status di rifugiato. Dopodiché, cede alla tentazione di tornare in Medio Oriente, anche se non proprio in patria,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi