closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Le trame di una città sospesa tra ragnatele di significato

Scaffale. «Napoli sepolta» di Ulrich Van Loyen, per Meltemi. Un reportage etnografico sul culto dei morti

Interni della chiesa di Santa Maria delle anime del Purgatorio ad Arco, nel centro di Napoli

Interni della chiesa di Santa Maria delle anime del Purgatorio ad Arco, nel centro di Napoli

Se l’interesse del mondo tedesco per Napoli risale almeno al leggendario Grand Tour, quello più specificamente etnologico forse cominciò con un giovane ricercatore, Thomas Hauschild, e la sua frequentazione con Alfonso Maria di Nola. Incontri molto informali, avvenuti nella trattoria di via Nardones dove il giovedì di Nola aveva l’abitudine di continuare le lezioni a tavola con alcuni dei suoi tanti studenti. Eravamo quasi sempre gli stessi. L’alterità endogena del Meridione rispetto al resto d’Italia attraeva studiosi tedeschi verso quelle intricate dinamiche di potere e magia che si incastravano con lo storico «ritardo» meridionale e, al tempo stesso, rendevano il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi