closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Le scuse di Zuckerberg al Parlamento europeo

Strasburgo. Il cofondatore di Facebook convocato dagli europarlamentari si giustifica dopo la scandalo di Cambridge Analytica. Venerdì entra in vigore il nuovo regolamento europeo di protezione dei dati. I timori degli eurodeputati per le prossime elezioni europee e i rischi di manipolazione del voto

Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani riceve il boss di Facebook Zuckerberg a Strasburgo

Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani riceve il boss di Facebook Zuckerberg a Strasburgo

Dopo le scuse al Congresso Usa, quelle al Parlamento europeo. Mark Zuckenberg, cofondatore di Facebook, è stato convocato di fronte all’Europarlamento, per spiegarsi dopo lo scandalo di Cambridge Analytica e l’utilizzazione di dati personali a fini di strumentalizzazione politica, che ha coinvolto anche 2,7 milioni di cittadini europei (oltre a molti statunitensi in occasione dell’elezione presidenziale). Una convocazione che, per il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, è “solo un punto di partenza per una nuova gestione e una nuova governance delle piattaforme digitali”. L’intervento, che in primo tempo era stato previsto a porte chiuse, dopo forti polemiche e minacce...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.