closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le scuse bellicose di Kim Jong-un

Corea del nord. Per la prima volta un leader della Corea del nord riconosce di non aver realizzato gli obiettivi prefissati: il paese è in profonda crisi. Ma è pronto al «benvenuto» scoppiettante per Joe Biden

Kim Jong-un al recente congresso del partito dei lavoratori

Kim Jong-un al recente congresso del partito dei lavoratori

«Il nostro piano quinquennale di sviluppo economico è stato molto al di sotto degli obiettivi che ci eravamo posti in quasi tutti i settori». Con parole, piuttosto insolite per i leader nordcoreani, Kim Jong-un a inizio gennaio ha aperto i lavori del Congresso del partito dei lavoratori, l'evento politico più importante in Corea del Nord. Si tratta di parole straordinariamente realistiche perché il paese, da mesi completamente sigillato ancora più del solito all'esterno a causa del timore di contagi da coronavirus, ha dovuto affrontare una delle crisi economiche più gravi della sua storia recente; una crisi paragonata alla carestia patita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi