closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Le «riammissioni» in Slovenia sono illegittime. Condannato il Viminale

Sentenza del Tribunale di Roma. La decisione in seguito al ricorso presentato da un migrante pachistano

Nel campo di Lipa in Bosnia, vicino al confine croato

Nel campo di Lipa in Bosnia, vicino al confine croato

Per mesi i migranti che riuscivano ad attraversare il confine tra l’Italia e la Slovenia sono stati fermati dalle forze dell’ordine e rispediti indietro, senza dare seguito alle richieste di asilo presentate quasi sempre da chi era riuscito ad arrivare fino a quella frontiera al termine di un viaggio infernale. Impacchettati e riconsegnati alla polizia slovena che a sua volta li metteva nelle mani violente e crudeli dei poliziotti croati che dopo averli picchiati, a volte derubati e fatti inseguire dai cani lupo li rispedivano in Bosnia. Di fatto si tratta di respingimenti a catena e l’Italia, in barba al...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi