closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Le reflex sul set

Cartelli di strada. Hopper, Coppola, Kubrick, Antonioni...

L’immagine divenuta iconica del fotoreporter equipaggiato con quattro-cinque reflex ciondolanti dal collo e dalle spalle (impersonato da uno strepitoso Dennis Hopper), nella giungla cambogiana del finale di «Apocalypse now», fu folgorante per i ragazzi degli anni ’70 che si avvicinavano alla fotografia. Così come, nel decennio precedente, lo era stata la figura del fotografo di moda Thomas (il più convincente David Hemmings visto al cinema) in «Blow up». Non risparmiandosi sortite nella fotografia del sociale, anche Thomas adoperava apparecchi dal formato piccolo: si muoveva nella psichedelica Londra dell’epoca con l’inseparabile Nikon F, precorritrice delle moderne fotocamere col sistema reflex. Quasi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.