closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Le ragazze terribili del metal

Note sparse. Ecco le BlackLab, prendono la via dell'oscurità con voci punk o rock modulate su fuzz che attorcigliano gli amplificatori

BlackLab

BlackLab

Metal, giappo, due ragazze total black con crocifisso e un concentrato heavy. Sono le BlackLab con Under The Strawberry Moon: ancora sconosciute in Italia, prendono la via dell’oscurità, con voci punk o rock modulate su fuzz che attorcigliano gli amplificatori. Sono proprio le distorsioni, le rumorosità, il non essere puliti a (paradossalmente oggi) renderle accese, vive e consumate allo stesso tempo. Noise/doom statunitense in salsa orientale, urlato in growl o in un cantato evocativo, espanso o paranoico, che per esempio in Spoon o in Warm Death è un divenire conturbato dalla chitarra che sembra clonata da Tony Iommi. Metal che diventa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.