closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Le promesse rischiano di tradire le aspettative

Transizione ecologica . Già il Pnrr inviato a Bruxelles contiene ambiguità e la possibilità di soluzioni opposte. Non sarà facile avere ragione delle resistenze conservatrici dei potentati economici e il governo finora non ha dato prove certe di volere guidare la svolta ecologica

Inquinamento

Inquinamento

Dopo gli impegni di Draghi in parlamento sulla transizione ecologica, in particolare sulla produzione di energia da fonti rinnovabili, sulla rete ferroviaria, sui veicoli a trazione elettrica, sulla produzione e la distribuzione di idrogeno verde c'è il rischio di forti delusioni e di un disimpegno italiano dall’uscita dai fossili. Uscita che, con ogni probabilità, sarà convalidata nella conferenza autunnale della COP 26 a Glasgow, come annunciato anche sui nostri media da Jeffrey Sachs e dal del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres. Già il Pnrr inviato a Bruxelles contiene ambiguità e la possibilità di soluzioni opposte. Non sarà facile...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi