closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Le preferenze della discordia. Ma il premier le vuole a metà

Italicum. Malumori nel Pd. Da Orfini a Giachetti il fronte del ’male minore’

Roberto Giachetti, deputato Pd

Roberto Giachetti, deputato Pd

Il tema delle preferenze nella legge elettorale potrebbe non porsi affatto nel dibattito agostano. Nei prossimi giorni Renzi incontrerà Berlusconi per stringere i bulloni del patto del Nazareno e ridefinire i dettagli (che poi dettagli non sono affatto) della legge elettorale. La proposta che calerà sul tavolo non saranno infatti le preferenze ma un mix fra nomi bloccati dei capolista e una lista a preferenza libera. Una mediazione onorevole fra un leader di partito (e non parliamo solo di Berlusconi) che vuole assicurarsi un gruppo di fedelissimi alla camera e l’illusione della libera scelta dell’elettore. Denis Verdini, il plenipotenziario dell’ex...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.