closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le paure del Giappone atomizzato

Fukushima 5 anni dopo/Intervista. L’evoluzione delle proteste no nuke e no war, l'incertezza economica e politica, una crescente preoccupazione per il futuro... Parla il sociologo Oguma Eiji: «È una situazione che può essere molto instabile e pericolosa. Per questo persone come me cercano una risposta nella crescita dei movimenti»

Kessenuma, prefettura  di Miyagi,  28 marzo 2011: gli effetti  del terremoto  e dello tsunami

Kessenuma, prefettura di Miyagi, 28 marzo 2011: gli effetti del terremoto e dello tsunami

Oguma Eiji insegna sociologia all’Università Keio di Tokyo. Sociologo e storico, si è occupato dell’identità giapponese, di etnicità e nazionalismo. Ha realizzato il documentario Tell the Prime Minister sul movimento anti nucleare giapponese dopo Fukushima. Lei sostiene che in Giappone vi siano «due nazioni», una organizzata dall’Ldp che raccoglie il 30% degli elettori e una disorganizzata, e che il film sia fatto per scuotere questo 70%. Si tratta di un carattere storico della società o è emerso solo di recente con queste proteste? Il Giappone può essere descritto come una società di containers. La società giapponese è fatta di tante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.