closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Le parole profetiche di Berta Caceres

Honduras. L'ultima intervista al manifesto: «La nostra vita è appesa a un filo»

La leader indigena Berta Caceres

La leader indigena Berta Caceres

«Siamo presi di mira dal sicariato giudiziario e da quello armato. Le nostre vite sono appese a un filo». Suonano drammaticamente premonitrici le parole pronunciate da Berta Caceres in questa intervista con il manifesto. Berta, femminista e coordinatrice del Consejo Civico de Organizaciones Populares e Indigenas de Honduras (Copinh), che ha contribuito a fondare nel 1993, è stata ammazzata mercoledì da due uomini armati. In questa conversazione emergono i contorni di un delitto annunciato. Un crimine di stato. Qual è l’attività del Copinh? La nostra è un’organizzazione indigena di lotta territoriale che cerca di costruire un processo di emancipazione teso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.