closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Le parole non si processano, si liberano. Appello per Erri De Luca

Erri De Luca

Il 5 giugno si terrà a Torino l’udienza preliminare del processo che vede Erri De Luca imputato per il reato di istigazione a delinquere per aver pubblicamente manifestato la propria contrarietà ad un’opera ritenuta inutile e la solidarietà alla lotta NO TAV.

Raggiunge così il suo apice il processo di criminalizzazione di un movimento avviato dalla Procura di Torino che arriva ormai a colpire anche coloro che, esercitando un diritto costituzionalmente garantito, esprimono solidarietà e vicinanza alla popolazione valsusina che da anni resiste, nell’interesse collettivo, contro l’avanzamento di una grande opera inutile e insensata.

Si arriva al punto di evocare il reato di opinione, di fascista memoria, mettendo alla sbarra le opinioni di uno dei migliori poeti italiani e calpestando il diritto di manifestazione del pensiero, sancito dall’articolo 21 della Costituzione.
Tramite la minaccia dell’azione penale si vuole impedire il diritto alla libera espressione del dissenso e della disobbedienza civile.

Crediamo che il diritto di libertà e la tutela dell’ambiente costituzionalmente garantiti valgano per tutti, e che tutti debbano essere tutelati.

Le idee e le parole, anche se disobbedienti, non possono essere processate.

Liberiamo le parole.

In occasione dell’inizio del processo leggiamo tutti insieme le parole di Erri: davanti al Tribunale di Torino, nelle piazze italiane, nelle librerie, dovunque ci troviamo.

Primi firmatari:

Ascanio Celestini (artista); Fiorella Mannoia (cantautrice); Wu Ming (collettivo di scrittori); Fabio Geda (scrittore); Ugo Zamburru (psichiatra); Luca Rastello (giornalista); Andrea Doi (giornalista); Fabrizio Gatti (giornalista); Loredana Lipperini (giornalista); Haidi Gaggio Giuliani; Fulvio Vassallo Paleologo (docente universitario); Maria Attanasio (scrittrice); Antonella Cilento (scrittrice); Matteo Bartocci (giornalista); Peppe Lanzetta (scrittore); Alex Zanotelli; Isa Danieli (attrice); Titti Marrone (giornalista); Francesco Durante (giornalista); Luciano D’Alessandro (fotografo); Ugo Mattei (docente); Pino Petruzzelli (scrittore, attore e regista); Luca Mercalli (metereologo); Raffaele K. Salinari (terre des hommes); Patrizio Gonnella (associazione Antigone); Tommaso Di Francesco (il manifesto).

Per aderire all’appello inviare nome e cognome a iostoconerri@gmail.com

  • giowile

    La mail non funziona :(

  • Sergio Torcinovich

    confermo: la mai non funziona

  • armando

    Solidarietà a Erri de luca senza se e senza ma

  • giulio

    fate funzionare la mail

  • webmastru

    Se evitate il copia e incolla e la riscrivete, l’email funziona. Misteri dell’informatica.

  • Riccardo

    Erri de Luca, ah sì, quello che passa per scrittore… con un contratto con la Feltrinelli, per la quale si era impegnato a scrivere 100 paginette scarse ogni anno… un napoletano furbo… è nella merda, adesso? Se la cava, se la cava. Gli ex Lotta Continua hanno sempre successo nella società neoliberista.
    Aderire all’appello? No proprio.

  • andrea

    non funziona neanche riscrivendola!!!

  • Against the Racism

    Solidarietà ad Erri De Luca…ma non funziona la mail.

  • Simone Olivelli

    Non copincollate l’indirizzo mail, scrivetelo voi: iostoconerri@gmail.com.

  • Gianfranco

    Questa è una causa giusta indipendentemente che a lei piaccia o meno Erri De Luca. Fra l’altro ormai la maggior parte degli italiani hanno compreso che la Torino -Lione serve ad arricchire pochi, ma non serve alla collettività. Se è reato sostenerlo siamo veramente una merdocrazia…

  • Titti

    la mail continua a non funzionare!

  • Max lo scettico

    Gianfranco si preoccupa dell’opinione del sig. Riccardo?
    Non c’è da preoccuparsi, Gianfranco. Anzi, bisogna essergli grati.
    Ci ricorda ogni giorno, con la sua prosa e le sue idee coprogene, cosa non siamo e cosa non vogliamo essere.

  • Guest

    l’indirizzo non viene riconosciuto!

  • antonio_oares

    di fatto l’indirizzo e-mail funziona se inserito con la tastiera e non via “copia e incolla” :)

  • Lorenza Abati

    La mail non funziona perché ci sono degli spazi fra le parole che non dovrebbero esserci (non si vedono, ma ci sono). Se la riscrivete (o fate copia-incolla ma eliminate tali spazi) funziona.

  • Riccardo

    Ben detto. Proprio così. La “terribile franchezza” rende ancor più vivide le (tue) allucinazioni concettuali.
    As cool to speech as stone,
    As numb to revelation,
    As far from time as history…

  • Riccardo

    Non dico che sia reato sostenerlo, Gianfranco. Mi sembra esagerato l’appello, ecco tutto. De Luca ha di che pagarsi buoni avvocati. Quanto al farlo diventare un simbolo di lotte, ecco, proprio questo non mi piacerebbe che succedesse. Sulla Torino-lione, ovviamente, siamo d’accordo.

  • Stellina Lina

    NON COPIATE E INCOLLATE L’E-MAIL ALTRIMENTI NON FUNZIONA