closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Le parole di chi ha il potere

Incontri. Daria Deflorian e Antonio Tagliarini portano in scena alla Triennale «Chi ha ucciso mio padre»

Francesco Alberici in «Chi ha ucciso mio padre»

Francesco Alberici in «Chi ha ucciso mio padre»

Scavare alle origini del proprio dolore per scoprire un dolore ulteriore, individuale e sociale allo stesso tempo. È il percorso autobiografico che lo scrittore Édouard Louis, giovane talento francese, ha affidato al testo Chi ha ucciso mio padre. Il disprezzo provato dalla figura genitoriale nei confronti del figlio e della sua omosessualità diventano materia di genealogia: qual è la causa della violenza, del rancore, della vanagloria ostentate dalle classi subalterne? Secondo Louis è la mancanza di possibilità, di cui sono responsabili individui che hanno un nome e un cognome. Senza cancellare le colpe del padre, la storia della politica francese...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi