closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Le nozze», la claustrofobia dolente del mondo cecoviano

Teatro. In scena l'allestimento a cura del Gla, la squadra del Metastasio che si è allenata nel lockdown

Le nozze

Le nozze

Ridere con Cecov ridere di Cecov. Claudio Morganti mette a tavola gli 11 titolari del Gla (Gruppo di lavoro artistico), la squadra del Metastasio che si è allenata nel lockdown, e al Fabbricone festeggia Le nozze, scrittura giovanile del Nostro (1890) naturale seguito di Una domanda di matrimonio. Si aspetta un Godot che ne certifichi, esaltandola, la loro meschinità. Cecov si destreggia fra una portata e l’altra con acida ironia, simulando la nevrosi di «apparire», costi quel che costi. Morganti coglie lo spunto che si agita in quella società dell’immagine ante litteram e lascia liberi i suoi (all’interno di uno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi