closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Le notti perdute di New York

Storie/Tre libri raccontano mitici locali di fine anni Settanta inizio Ottanta come Mudd Club, Club 57 e CBGB. Cosa resta di quella effervescenza creativa. Parlano gli autori dei tre volumi e altri protagonisti di serate in cui l’arte di Keith Haring incontrava il furore del rock

«New York? È diventata una noia. Gli affitti sono troppo alti per fare i bohemien. I giovani non sono più in grado di trasferirsi qui. È quello che è accaduto a Parigi. Se i giovani non riescono ad andare in un posto, è destinato a morire». Queste parole taglienti appartengono all’artista David Hockney, britannico, ma con diverse esperienze artistiche nella Grande Mela. La parola «noia» e New York forse non dovrebbero mai comparire nella stessa frase, ma il ricordo di anni in cui la città che non dorme mai era il cuore pulsante di ogni fenomeno d’avanguardia e la culla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.