closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Le ’ndrine puntavano alla Tav

Piemonte. Nell’inchiesta una cava di rifiuti speciali in Val di Susa. «Operazione San Michele» contro l’articolazione torinese di una cosca di Crotone

«Ce la mangiamo io e te la torta dell’alta velocità». È il 6 maggio del 2011 e a parlare al telefono sono Giovanni Toro, imprenditore edile torinese considerato il tramite della ‘ndrina dei Greco per infiltrarsi negli appalti pubblici, e Gregorio Sisca, uno degli esponenti della cosca sul territorio. Vogliono entrare nell’affare Tav in Val di Susa «perché si tratta di lavori per 200 milioni di euro». I due sono stati arrestati ieri mattina, rispettivamente per concorso esterno e per associazione mafiosa, dai carabinieri del Ros nell’operazione «San Michele» contro l’articolazione torinese della cosca dei Greco di San Mauro Marchesato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi