closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Mondine, storia di un movimento che parla ai freelance

Saggi. "Mondine in campo" di Barbara Imbergamo per Edit press

Il movimento delle mondine si strutturò in età giolittiana. Il fascismo cercò di imbrigliarne la leggendaria combattività sindacale con politiche paternalistiche e ispirate agli stereotipi coloniali sul corpo delle donne. In Emilia molte donne parteciparono alla resistenza contro il nazi-fascismo. Nell’immediato dopoguerra, l’emancipazione dallo sfruttamento di un lavoro stagionale – quaranta giorni all’anno – diventò il centro del conflitto politico tra la sinistra e i democristiani. Negli anni Sessanta l’industrializzazione della monda sostituì gran parte delle 180 mila lavoranti, ma i sindacati cercarono di trattenere le donne nelle risaie pensando che l’aumento del salario orario bastasse a rendere sopportabile un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi