closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Le miniere feriscono il Brasile

Globalizzazione. In gennaio il Brasile viene scosso dal crollo di una diga provocato dagli eccessivi scavi minerari. L’incidente, che ha ucciso 300 persone, mette in evidenza le «sporche attività» della gigantesca impresa mineraria Vale

A pochi mesi dalla vittoria elettorale del presidente Jair Bolsonaro, il Brasile viene scosso da un incidente nella zona mineraria del Mina Gerais, dove il 25 gennaio 2019 il crollo della diga a coda di Bramadinho distrusse gli edifici amministrativi della miniera Córrego do Feijão rilasciando 13 milioni di metri cubi di fango tossico, e causando la morte di oltre 300 persone. L’incidente avviene appena tre giorni dopo il primo discorso dell’appena eletto presidente Jair Bolsonaro al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, dove aveva affermato che il Brasile è il paese «che conserva maggiormente l’ambiente nel mondo». Una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.