closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le metamorfosi del «presidente del mondo»

Donald Trump

Donald Trump

Se come ha detto l’ambasciatrice americana all’Onu Nikki Haley il bombardamento di al Sharyat è stato un chiaro messaggio ad Assad, il decollo di due caccia siriani da quella stessa base poche ore dopo l’attacco è voluta essere una risposta altrettanto inequivocabile sulla futilità dell’intervento americano. Per sottolinearlo ulteriormente, altre bombe (russe o siriane) sono state sganciate  sempre ieri su Khan Sheikhoun, la stessa località dell’attacco chimico di martedì. Gli ultimi capitoli di una guerra «simbolica» in cui le parti si lanciano messaggi incrociati sotto forma di stragi e bombardamenti. La giornata di ieri ha registrato i plausi per «l’azione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi