closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le leggi speciali di al Sisi fermeranno gli oppositori non i terroristi

Egitto. Lo spiega Gamal Eid, storico attivista dei diritti umani, commentando lo stato d'emergenza proclamato domenica sera dal presidente al Sisi dopo gli attentati nelle chiese di Tanta e Alessandria. Intanto la comunità copta ha paura e si sente senza protezione dagli attacchi dell'Isis

Abu Ishaq al Masri ed Abu al Bar'a al Masri. Sono i nomi di battaglia dei due jihadisti-kamikaze responsabili delle stragi di 44 egiziani copti, domenica scorsa in due chiese, a Tanta e ad Alessandria. Avevano combattuto in Siria nel nome del califfo dello Stato islamico, al Baghdadi. La televisione al Arabiya, facendone l'identikit, li ha descritti come istruiti e non più giovani. Abu Ishaq, autore dell'attacco nei pressi della chiesa di San Marco ad Alessandria d'Egitto, era originario di Manyat al Kamh, una cittadina a nord del Cairo dove si era laureato in economia e commercio. L'altro kamikaze, Abu...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.