closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le invasioni barbariche

Guerra all'Isis. L'attacco solitario di un islamista al parlamento

Soldati canadesi in partenza per l'Iraq

Soldati canadesi in partenza per l'Iraq

«Lupi solitari», «Cellule dormienti», «jihad della porta accanto»: si sono affannati a spiegare il fenomeno che sembra esplodere all’attenzione dell’«innocente» mondo occidentale. L’urgenza di comprendere diventa ineludibile a fronte di quello che è accaduto in questi giorno in Canada, prima con l’uccisione di due soldati poi ad Ottawa, in pieno parlamento, con l’assalto armato - di un solo attentatore - con sparatorie, morti e feriti. È in frantumi l’immagine di un Paese apparentemente fuori dalla mischia delle guerre e della crisi mondiale. Chi sono, dunque, e che cosa vogliono? Per rispondere bisogna necessariamente strappare il sipario di innocenza che avvolge...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.