closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Le gladio cresciute all’ombra dello stato repubblicano

Saggi. «Le altre Gladio» di Giacomo Pacini per Einaudi editore. Una buona storia dei gruppi armati anticomunisti segnata dall’atlantismo della guerra fredda

Il 18 ottobre 1990 l’Italia venne a conoscenza di Gladio, ovvero dell’esistenza, per quasi quarant’anni, di una struttura armata segreta composta da civili e militari, costituita allo scopo di difendere il territorio nazionale nel caso di invasione di un esercito straniero. A rivelarlo fu l’allora presidente del Consiglio Giulio Andreotti con una relazione alla Commissione stragi dal titolo Il cosiddetto Sid parallelo-Operazione Gladio. Le reti clandestine a livello internazionale. Questa struttura era stata creata il 28 novembre 1956 a seguito di un accordo tra il nostro servizio segreto militare, il Sifar (Servizio informazioni forze armate) e la Cia statunitense, nell’ambito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi