closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Le ferrovie si chiamano fuori, in gioco interessi miliardari

Strage di Santiago. L'errore umano è confermato. La strage ferroviaria di Santiago – il primo incidente mortale in 21 anni di alta velocità spagnola – è stato causato, secondo le dichiarazioni rese al giudice dallo stesso macchinista Francisco José Garzón, «da una distrazione»

L'errore umano è confermato. La strage ferroviaria di Santiago – il primo incidente mortale in 21 anni di alta velocità spagnola – è stato causato, secondo le dichiarazioni rese al giudice dallo stesso macchinista Francisco José Garzón, «da una distrazione» che lo avrebbe disorientato facendogli credere di essere in un altro punto del tracciato. Una «distrazione» imperdonabile, ovviamente; ma più passano i giorni, più sembra ragionevole supporre che l'errore umano (tragico ed incontestabile) non sia la sola causa di questo disastro che i vertici delle ferrovie spagnole stanno cercando di archiviare frettolosamente, scaricando tutta la responsabilità delle 79 morti sul...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.